(H 31) André Kertész

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. All'interno del sito web potrai visionare una sezione dedicata al mio portfolio oltre ad una sezione di lavori realizzati nel tempo libero. Inoltre all'interno della piattaforma è presente una sezione blog dedicata ad argomenti legati al mondo della grafica, della fotografia e della tipografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 7 April 2018

Il fotografo ungherese André Kertész (Budapest, 2 luglio 1894 – New York, 28 settembre 1985, fig. 278) lavora ad una fotografia pura che non sembra rimpiangere la pittura, praticamente nelle sue immagini c’è semplicità, l’amore per le cose comuni, quindi evita artefatti, la drammaticità e la teatralità.
Dopo aver terminato gli studi inizia a lavorare presso la Borsa dei cereali, anche se lo abbandonerà in fretta riscoprendo l’amore per la fotografia, che lo porterà nel 1914 a realizzare numerose immagini durante gli anni del conflitto (fig. 279 e 280).
Queste sono immagini che non hanno nulla a che vedere con la foto di reportage, inoltre sono scatti molto semplici.
Comunque dopo il conflitto, ritornerà a lavoro presso la Borsa anche se non abbandonerà la sua passione, infatti le foto ungheresi di questo periodo rappresentano una sorta di narrazione della sua vita.
Nel 1925 abbandona l’Ungheria giugendo a Parigi e le fotografie realizzate in questo periodo sono immagini più da turista, quindi realiste e naturali, infatti l’ambiente parigino lo mettera proprio a suo agio il suo lavoro verrà associato al Cubismo e al Surrealismo del periodo.

278 André Kertész

279 Il conflitto

280 Ritorno a casa, 1918

Nel 1933 accetterà la chiamata della rivista Le Sourire da cui nasceranno Le Distorsioni (fig. 281 e 282), infatti creerà una serie di deformazioni anatomiche giocando soprattutto con i corpi femminili.
Nel 1936 si trasferirà a New York per via di un contratto stipulato con la Keystone, comunque questi saranno anni molto produttivi per lui, ma in questo nuovo contesto si sentirà isolato perché non ne avvertirà il coinvolgimento e la sua magia.
In questi anni il suo stile muterà assumendo un volto americano (fig. 283, 284 e 285) anche se rimarrà sempre fedele alle sue scelte, inoltre lavorerà per diverse riviste, tra cui Harper’s Bazar, Town and Country, Vogue e Life, anche se quest’ultima non accetterà le sue foto perché secondo loro raccontavano troppo.
Comunque nel 1945 sarà assunto dalla House and Garden di Libermann restandoci fino al 1962.
A partire dagli anni sessanta in poi, prenderà parte a moltissime mostre, non solo in America, ma in tutto il mondo.

281 Distrosioni

282 Distrosioni

283 Foto del periodo americano

284 Empire State Building

285 Rooster, New York, 1952

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Recent Articles

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!