(A 07) Aubrey Beardsley

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. All'interno del sito web potrai visionare una sezione dedicata al mio portfolio oltre ad una sezione di lavori realizzati nel tempo libero. Inoltre all'interno della piattaforma è presente una sezione blog dedicata ad argomenti legati al mondo della grafica, della fotografia e della tipografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 16 May 2018

Aubrey Beradsley (Brighton, 21 agosto 1872 – Mentone, 16 marzo 1898, fig. 50) fu un grande artista e grafico, inoltre il suo tocco e stile sono inconfondibili, esprimendosi tra simbolismo ed estetismo entrando a far parte di una cerchia molto elegante e pregiata, mantenendo vivi i rapporti anche con Parigi.
Lui prende spunto proprio da Burne-Jones (fig. 52), come hanno fatto anche altri artisti del suo tempo, da Morris(fig. 53) e dal manierismo nipponico di Whistler (fig. 54).
Il suo stile si rifà ad immagini dal profilo delicato e rapido mediante l’uso dell’inchiostro nero, evidenziando un gioco di pieni e di vuoti, quindi il suo stile sembra essere più da illustratore e fra i suoi primi lavori ricordiamo le bordure e illustrazioni per Morte d’Arthur (fig. 55) del 1891 e ’92, riuscendo ad ottenere un notevole successo, oppure ricordiamo le immagini di Salomè (fig. 56 e 57), dove l’iimagine si staglia nettamente sullo sfondo che sembra isolare le diverse decorazione in stile arabo.

51 Aubrey Beardsley

52 Edward Burne-Jones

53 William Morris

54 James Whistler

55 Morte d'Arthur

56 Salomè, vecchia versione

57 Salomè, nuova versione

Queste immagini destarono molto scandalo all’epoca, inoltre lui realizzò due versioni, una molto più grezza dove lo sfondo con le decorazioni sembra essere più lineare, mentre la seconda venne resa con forme e linee più morbide e sensuali.
Inoltre altro elemento fondamentale è la sua bidimensionalità, dove ombre, luci è prospettiva sono assenti. In questo periodo lui sarà direttore del centro artistico di The Yellow Book, una rivista trimestrale che lui riempie con i suoi disegni e realizzando copertine dall’aspetto molto provocante, inoltre la rivista The Studio, sempre in questo periodo, il 1893, pubblicherà un numero dedicato alla sua arte. Realizzerà anche Under the Hill (fig. 58), una storia romantica che raffigura Venere e Tannhauser sotto la musica di Wagner che si risolve in modo erotico.
La sua figura di artista sarà soprattutto influente per diverse personalità come, Bradley (fig. 59) il cui lavoro, soprattutto in ambito editoriale e del manifesto, seguirà il suo stile lineare espresso a Londra.

58 Under the Hill, Venus at her toilet

59 Will Bradley

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Recent Articles

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!