(H 67) Diane Arbus

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. All'interno del sito web potrai visionare una sezione dedicata al mio portfolio oltre ad una sezione di lavori realizzati nel tempo libero. Inoltre all'interno della piattaforma è presente una sezione blog dedicata ad argomenti legati al mondo della grafica, della fotografia e della tipografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 1 May 2018

Diane Arbus (nasce il 19 aprile 1928 a New York e muore all’età di 89 anni, fig. 601) fu una delle figure più importanti della fotografia, infatti in lei era forte il desiderio e la ricerca delle emozioni.
Lei nasce in una famiglia americana benestante e dopo gli studi artistici si dedica all’Espressionismo tedesco di Otto Dix (fig. 602) e George Groz (fig. 603), e con il marito Allen Arbus (fig. 604) aprirà uno studio fotografico commerciale in New York.
Più tardi lei deciderà di studiare nel settore fotografico con Brodovitch (fig. 605) e Lisette Model (fig. 606) per affinare la sua conoscenza e con cui condividerà l’amore per la narrazione della vita quotidiana.
La sua non è una fotografia tradizionale, infatti il suo estro stà nel rendere banale ciò che è diverso e nell’innalzare la semplicità della quotidianità, quindi la normalità viene spinta al limite andando in contrasto con gli aspetti inconsueti della classe media, un modo di vedere che sembra anticipare la visione di una New York futura.

601 Diane Arbus

602 Otto Dix

603 George Groz

604 Allen Arbus

605 Alexey Brodovitch

606 Lisette Model

La sua può essere intesain questi termini, dove chiunque visto da vicino non è normale.
Quindi si darà il via alla Beat Generation, cioé un rifiuto delle norme imposte, che sembra attira molto Diane.
Nel 1967 le sue opere vengono selezionate, insieme a quelle di Friedlander (fig. 607) e Winogrand (fig. 608) per rappresentare gli anni sessanta nella mostra New Documents.
Nel 1971 realizzerà immagini con la nota drammattica maggiormente accentuata e un forte senso di amarezza evidente, raffigurando soggetti affetti dalla sindrome di down raffigurati sulla spiaggia, mentre ballano, etc (fig. 609 e 610).
Comunque lei mostra sempre più i segni di una crisi sociale ed anche personale a tal punto da giungere al suicidio nel 1971.
L’anno successivo, presso la biennale di Venezia, saranno esposte le sue opere fotografiche (fig. 611 e 612), che puntualizzano l’unione tra pensiero e perfezione.

607 Lee Friedlander

608 Garry Winogrand

609 Persone con la sindrome di Down

610 Persone con la sindrome di Down mascherati

611 Ragazzo con giocattoli in Central Park, New York, 1962

612 Donna con guanti bianchi, New York, 1956

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!