Eugène Grasset

Eugène Grasset (Losanna, 25 maggio 1841 – Sceaux, 23 ottobre 1917, fig. 01) dedicò la propria vita al lavoro di grafico e illustratore, dopo aver studiato la grafica delle stampe giapponesi (fig. 02) e l’arte medievale dell’architetto Eugène Viollet-le-Duc (fig. 03).

01

02

03

Già dalle sue prime opere, Les Fetes Chrétiennes di Padre Drioux del 1880 (fig. 04) e il romanzo storico di Carlo Magno, Histoire des Quatre fils Aymon del 1884 (fig. 05), è evidente il suo stile fatto di elementi giapponesi e gotici.
Già dal 1879 lui si adatta a richiami di carattere merovingio, cioè relativo alla dinastia dei re franchi, e alle iniziali di carattere celtico-irlandese.

04

05

Già dal 1879 lui si adatta a richiami di carattere merovingio, cioè relativo alla dinastia dei re franchi, e alle iniziali di carattere celtico-irlandese.
Grazie alle sue decorazioni, il suo ruolo in Francia sarà come quello di Walter Crane (fig. 06) in Inghilterra, impostando le basi per la grafica e l’illustrazione, inoltre il suo stile durante gli anni novanta, inizierà a cambiare assumendo un timbro Art Nouveau, inoltre saranno visibili anche influenze derivanti dalla xilografia, cosa che notiamo nei manifesti, l’Opera National del 1886 per Sarah Bernardt (fig. 07) e l’Encre Marquet del 1892 (fig. 08), su cui verrà realizzata anche una mostra personale nel 1894.

06

07

08

Successivamente inizierà ad uscire la sua opera a tavole separate nel 1896, Les plantes et ses applications ornementales (fig. 09), che vedrà successivamente anche una versione in inglese in mostra sia a Londra che a New York, anche se, secondo lo storico d’arte Robert Schmutzler, uscirà troppo tardi per poter essere uno tra i diversi punti di riferimento dell’Art Nouveau, di conseguenza sembra richiamare maggiormente ai suoi studi precedenti sulle decorazioni inglesi di Owen Jones (fig. 10) e della sua Grammar of Ornament del 1856.

09

10

Per la Maison Moderne del critico Julius Meier-Graefe (fig. 11), realizzerà diversi caratteri tipografici e nel 1905 pubblicherà anche la Méthode de composition ornementale.
Grasset continuerà a lavorare nel settore illustrativo realizzando altri manifesti, calendari, programmi, etc, inoltre lui realizzerà anche modelli femminili che si ispireranno al rinascimento italiano e ai preraffaelliti inglesi però con contorni più marcati, mentre il suo stile medievale rimane molto legato allo stile di Morris (fig. 12).

11

12

image_pdfimage_print
Seguimi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit exceeded. Please complete the captcha once again.

Rating*