(I 27) FIUMI, LAGHI E CASCATE

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. Il sito oltre a fornire informazioni personali sul mio profilo, mette in mostra anche il mio portfolio personale, strutturato in diverse sezioni, dalla grafica al web, la grafica 3D e arte, etc, inoltre è disponibile anche una sezione blog dedicata alle diverse sezioni di interesse personale, come la grafica, l'editoria e la fotografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 7 October 2018

In queste circostanze dobbiamo decidere come rendere all’interno della nostra scena il movimento dell’acqua, che sarà legato alla velocità di otturazione, un fattore importante soprattutto quando scattiamo sul movimento più rapido dell’acqua di fiumi e cascate (fig. 123), che risulterà più rapida e gonfia dopo una pioggia.
In queste condizione non sarà necessario adoperare una velocità di otturazione molto bassa per avere un effetto sfocato, comunque è meglio evitare questi soggetti dopo le pioggie, soprattutto se abbondandi, perchè rami e altri elementi possono depositarsi a riva e lungo le sponde, dando vita a scene più disordinate.
Queste circostanze sono da evitare anche per il livello dell’acqua, che essendo elevato, potrebbe nascondere alcuni elementi interessanti, come, rocce, alcune parti di vegetazione, etc.
Ricordiamo inoltre che fotografando le cascate con un tempo di posa più lungo, ci permetterà di avere un immagine più sfocata e morbida, ma possiamo rischiare di bruciare le parti bianche colpite dalla luce diretta del sole, quindi con una luce più morbida eviteremo questo problema (fig. 124 e fig. 125).

123 Fotografare una cascata

124 Effetto più morbido dell'acqua

125 Parti bianche dell'acqua bruciate

Nel caso di un lago la situazione migliore sarebbe quando la superficie dell’acqua è calma, generando proprietà riflettenti pari ad uno specchio (fig. 126), una soluzione perfetta per ottenere scene simmetriche, invece se la superficie risulterà un po mossa, basterà scattare con un tempo di posa più lungo riducendo l’effetto mosso, ma a discapito delle proprietà riflettenti (fig. 127).
Se desideriamo avere condizioni di calma piatta, allora dovremo muoverci nel mattino presto, cioè l’alba visto che i colori saranno anche più forti, oppure, se la notte precedente è stata serena e limpida, sarà possibile avere un po di nebbia mattutina, questa può aggiungere maggiore raffinatezza alla nostra scena.

126 Effetto specchio con l'acqua calma

127 Effetto riflettente compromesso

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!