(A 76) Franco Grignani e l’Optical Art

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. All'interno del sito web potrai visionare una sezione dedicata al mio portfolio oltre ad una sezione di lavori realizzati nel tempo libero. Inoltre all'interno della piattaforma è presente una sezione blog dedicata ad argomenti legati al mondo della grafica, della fotografia e della tipografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 29 May 2018

Franco Grignani (Pieve Porto Morone, 1908 – Milano, 1999, fig. 1031) terminerà i propri studi in ambito architettonico affrontando successivamente le prime esperienze nel settore artistico sotto il secondo Futurismo italiano.
Tutto il suo lavoro si concentrerà sulla ricerca di nuovi parametri visivi, nuovi modelli sottosposti a tensione come torsioni e compenetrazioni che hanno generato una serie di psicostrutture modulari, immagini psicoplastiche, campi scalari e reticolari, configurazioni lineari e planari composti da rapporti spaziali molto complessi.
Dal 1947 fino al 1960 sarà direttore artistico di Bellezza d’Italia, il periodico della Dompé, poi nel 1952 sarà incaricato dallo stabilimento delle Arti Grafiche Alfieri e Lacroix di dar vita da una nuova formula strategica di informazione e pubblicità, cosa che lo porterà ad avere numerosi riconoscimenti internazionali nel settore.

1031 Franco Grignani

Il suo lavoro si collega all’operato di matrice Optical Art, perché legato anche ai fenomeni cinetici e visivi dell’arte, inoltre i suoi caratteri essenziali furono definiti durante la mostra The Responsive Eye della seconda metà degli anni Sessanta pressol il Museum of Modern Art di New York, dove vennero proprosti anche i lavori del pittore tedesco Josef Albers (fig. 1032) e furono mostrate anche le ricerche dei francesi del pittore e designer grafico ungherese naturalizzato francese Victor Vasarely (fig. 1033) e il pittore Francois Morellet (fig. 1034), gli italiani del Gruppo N, gli americani come il pittore Morris Louis (fig. 1035), il pittore e scultore Frank Stella (fig. 1036) e il pittore Kenneth Noland (fig. 1037).
La Op Art fu anche legata allo studio del colore in ambito percettivo e visivo, e il legame tra la struttura del campo e il suo valore cromatico, il cui riferimento diretto può essere il lavoro di dall’artista italiano Mario Ballocco.

1032 Josef Albers

1033 Victor Vasarely

1034 Francois Morellet

1035 Morris Louis

1036 Frank Stella

1037 Kenneth Noland

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!