Gestione dei file

Concetti fondamentali

All’interno di un sistema operativo tutti i file e relative cartelle vengono organizzati fisicamente e logicamente attraverso i file system (fig. 01) e possiamo immaginalo come una struttura a forma di albero a rovescio.

I file sono la base o elemento fondamentale per immagazzinare il dato, poi questi sono organizzati all’interno di cartelle per evitare caos all’interno del PC, inoltre queste possono essere contenute all’interno altre cartelle superiori.

Poi ogni elemento indicato in precedenza è memorizzato all’interno di uno spazio di archiviazione che noi definiamo hard disk, e l’insieme di queste fanno capolino alla radice cioè il PC.

Inoltre ricordiamoci che le memorie sono attive solo quando attive, per esempio come le USB quando sono regolarmente inserite nelle apposite porte.

La gerarchia ad albero del file system è indicato sul PC mediante l’indirizzo completo del percorso dove ogni singola voce è separata a sua volta da un backslash (fig. 02) visualizzato all’interno della barra degli indirizzi.

Le unità di memoria in cui possono essere contenuti i dati sono il disco fisso (fig. 03), il floppy disk (fig. 04), il CD-RW o DVD (fig. 05), unità di condivisione in rete ed infine eventuali supporti mobili come hard disk esterni o penne USB (fig. 06).

Un’altra cosa fondamentale è la copia di backup che consiste nel creare una copia dei file importanti su altri hard disk esterni o eventuali penne USB, questo con il fine di evitare di perdere dati importanti in caso di guasti, sbalzi di corrente che possono compromettere l’integrità dei file o determinare la loro cancellazione.

Importante è anche la capacità di memoria del supporto scelto soprattutto se parliamo di file di grandi dimensioni, che dipende dal tipo di informazione e dal programma con cui è stato realizzato.

Per esempio un file di solo testo avrà dimensioni ridotte rispetto ad un file composto anche da immagini, stesso concetto per le cartelle la cui dimensione dipenderà dai tipi di file e dal numero archiviato al suo interno.

01

02

03

04

05

06

File e cartelle

All’interno del sistema operativo abbiamo le risorse del computer, qui possiamo tenere traccia dell’albero strutturale che mediante uno schema gerarchico ci condurrà alla posizione del nostro file, infatti se ci muoviamo verso il basso non faremo altro che addentrarci all’interno della cartella, viceversa ritorneremo alla cartella superiore (fig. 07).

Se desideriamo accedere alla finestra Computer / Questo PC potremo farlo attraverso l’icona Esplora file all’interno della barra delle applicazioni (fig. 08) oppure tasto destro del mouse sull’icona di Windows > Esplora file (fig. 09) oppure con la combinazione di tasti Windows + E.

All’interno della finestra avremo la parte di sinistra avremo tutte le unità o struttura gerarchica del file system, mentre sul lato destro sarà visualizzato il relativo contenuto dell’unità selezionata (fig. 10).

Comunque la cosa bella di questa struttura risiede nel fatto che se desideriamo salire per giungere alle cartelle precedenti possiamo farlo anche salendo non necessariamente un passo alla volta quindi possiamo passare dalla cartella C alla A senza dover passare forzatamente per B mediante l’uso della Barra dell’indirizzo (fig. 11).

07

08

09

10

11

Su ogni cartella se clicchiamo con il tasto destro del mouse verrà avviato il menù rapido e al suo interno possiamo selezionare la voce Proprietà (fig. 12), qui visualizzeremo diverse informazioni come le dimensioni del file / cartella, data dell’ultima modifica, la data di creazione, ecc che saranno raccolte in più schede.

Tra i diversi attributi abbiamo Sola lettura (fig. 13) questo consente solo di visualizzare il file ma ogni relativa modifica non sarà applicata o salvata.

Se desideriamo creare una cartella possiamo farlo in diversi modi dopo essere entrati nell’unità o cartella di interesse, qui selezioniamo la voce File > Nuovo > Cartella sui sistemi precedenti oppure Home > Nuova cartella (fig. 14 su win. 10) dopo aver selezionato un’unità, oppure cliccando la voce  o icona Crea nuova cartella presente sulla barra del titolo (fig. 15 su win. 10), oppure cliccando con il pulsante destro del mouse su qualsiasi punto vuoto della finestra aperta e selezionando la voce Nuovo > Cartella (fig. 16) e infine la combinazione di tasti CTRL + Maiusc + N.

12

13

14

15

16

Operare con i file

Un file dopo essere stato creato presenta il nome composto da due parti separate da un punto, il primo è il nome l’altra è l’estensione identificando il tipo di file (fig. 17).

Per visualizzare il tipo di formato del nostro documento o file basterà andare su Computer / Questo PC su win. 10 > Visualizza, presente all’interno della barra degli strumenti > Opzioni > Modifica opzioni cartelle e ricerca (fig. 18), qui si aprirà la relativa finestra e al suo interno andiamo su Visualizzazione e disattiviamo la voce Nascondi l’estensione dei file per tipi di file conosciuti (fig. 19).

Il tipo di file dipende anche dal programma con cui è stato concepito, a seguire sono elencate diverse tipologie:

– txt, file di testo,

– rtf, file di editor di testi,

– doc, file di editor di testi di word precedenti alle versioni dal 2007,

– docx, file di testo di Word delle versioni dal 2007,

– xls, file di foglio elettronico di Excel precedenti al 2007,

– xlsx, file di Excel a partire dalla versione del 2007,

– ppt, file di presentazione di Powerpoint precedenti al 2007,

– pptx, file di Powerpoint dalla versione del 2007,

– pdf, Portable document format,

– mdb, file di database nelle versioni di Access precedenti al 2007,

– accdb, file di database di Access dal 2007 in poi,

– bpm, jpg, jpeg, gif, file di immagine,

– avi, qtw, mpeg, file video,

– mp3, wav, mid, wma, file audio,

– zip, rar, file compressi,

– tmp, file temporanei,

– exe, file eseguibili,

– html, htm, file di pagine web.

Inoltre windows inserisce nel sistema in modo automatico dei collegamenti a file aperti di recente e questi sono raccolti in sottomenù all’interno dei programmi con cui sono stati aperti come Microsoft Word, Adobe Photoshop, ecc (fig. 20).

17

18

19

20

Gestione dei file

Il contenuto di una cartella può essere visualizzato in diversi modi, Icone molto grandi, Icone grandi, Icone medie, Icone piccole, Elenco, Dettagli, Titoli e Contenuto, queste sono elencate all’interno della voce Visualizza del menu di scelta rapida cliccando con il pulsante destro del mouse su un punto vuoto della finestra (fig. 21), oppure all’interno della voce Visualizza del menu sotto la barra del titolo della finestra (fig. 22).

All’interno di una cartella se clicchiamo sulla voce visualizza del menu principale noteremo la voce Ordina per (fig. 23), al suo interno saranno disponibili una serie di opzioni per ordinare i nostri file, ma esiste anche un altro modo per accedere a queste opzioni ed è mediante il clic sul pulsante destro del mouse che aprirà il menu di scelta rapida, qui clicchiamo sempre sulla voce Ordina per (fig. 24).

Per rinominare un file possiamo adoperare diverse metodologie, dopo averlo selezionato basterà cliccare sulla voce Rinomina all’interno della barra degli strumenti del menu home (fig. 25), oppure attraverso la voce Rinomina presente all’interno del menu di scelta rapida (fig. 26), attraverso il pulsante F2 da tastiera, e infine esercitando un doppio clic con il mouse sul titolo del file selezionato (fig. 27).

21

22

23

24

25

26

27

Duplicare e spostare

Se desideriamo selezionare un singolo file basterà cliccare semplicemente sull’icona, invece per selezionare più file all’interno di una cartella basterà selezionare il primo e poi mantenendo premuto il pulsante Shift / Maiusc cliccare sull’ultima icona della lista, un’altro metodo è quello di cliccare sulla voce Seleziona tutto presente all’interno della barra degli strumenti del menu home (fig. 28), infine possiamo selezionarle tutte semplicemente creando un rettangolo di selezione con il puntatore del nostro mouse e trascinandolo fin dove lo desideriamo catturando i file che ci interessano (fig. 29).

Se le icone non sono disposte in modo adiacente o in sequenza allora bisognerà selezionarle singolarmente mediante l’uso di CTRL + clic del mouse.

Importanti sono anche comandi come Copia, Incolla e Taglia, operazioni che possiamo eseguire in modi diversi.

Il primo metodo è quello di utilizzare queste voci all’interno della barra degli strumenti del menu home della finestra (fig. 30), il secondo è quello di utilizzare il menu di scelta rapida attivato mediante il pulsante destro del mouse dopo aver selezionato l’icona (fig. 31) e infine mediante i comandi da tastiera, CTRL+C per Copia, CTRL+X per Taglia e CTRL+V per Incolla.

28

29

30

31

Un’altra funzione molto utile può essere quella del Trascinamento o Drag and Drop, basterà cliccare con il mouse e trasciniamo mantenendo premuto il pulsante spostando il file in un’altra cartella del nostro PC.

Un’altra operazione interessante è Invia a che possiamo attivare all’interno del menu di scelta rapida (fig. 32), questa può essere adoperata se desideriamo copiare il nostro file destinandolo ad un Floppy disk, Cd, DVD, Posta, Fax, Desktop, ecc, oppure possiamo adoperare l’area Invia a presente all’interno della voce di menu Condividi della finestra aperta (fig. 33).

Come abbiamo visto nei casi precedenti anche per eliminare un file o cartella possiamo adoperare diverse soluzioni come il pulsante CANC dopo aver selezionato il file, oppure Elimina all’interno della barra degli strumenti in home della finestra (fig. 34), oppure trascinando l’icona all’interno del cestino, infatti il Cestino (fig. 35) è l’unità di memoria dove saranno depositati temporaneamente i file che successivamente potremo ripristinare o eliminare in modo definitivo.

Invece se cancelliamo file presenti all’interno di unità di memoria esterne come Pendrive o Hard disk i file saranno eliminati con effetto immediato senza passare per il cestino.

Come tutte le unità presenti all’interno del PC anche il cestino si riempirà di file temporanei che possono occupare memoria inutile, in queste situazioni possiamo ricorrere al’’uso del comando Svuota cestino che potremo attivare in diversi modi, il primo attraverso l’uso della relativa opzione all’interno della voce di menu Voce cestino della finestra in questione (fig. 36), la seconda attivando il menu di scelta rapida con il tasto destro del mouse e selezionando svuota cestino (fig. 37).

32

33

34

35

36

37

Ricerca

Se abbiamo bisogno di cercare un file di cui ricordiamo solo il nome o la relativa data / periodo di creazione, o il tipo di file, ecc, possiamo adoperare lo strumento di ricerca disponibile in alto a destra della relativa finestra attiva (fig. 38), inoltre tale ricerca sarà estesa solo all’interno dell’unità di memoria di interesse, per esempio se è in C allora sarà ricercato all’interno di questa e non oltre.

Se nella ricerca viene digitato solo il nome senza specificare il tipo o la data, ecc, allora saranno rilanciati tutti i risultati di file che avranno in comune quel nome o parte di questo all’interno del titolo.

Possiamo anche adoperare i caratteri jolly come l’asterisco (*) o il punto interrogativo (?), questi nel caso in cui non si conosce una parte del nome o dell’estensione del file, o una singola lettera.

Possiamo impostare i dati di ricerca adoperando anche le voci che si attiveranno all’interno della barra degli strumenti della finestra, per esempio Tipologia, Dimensioni, Altre proprietà, Data ultima modifica, ecc (fig. 39).

Un’ultima cosa che bisogna ricordare è che ogni volta che viene avviata una ricerca si attiverà la barra di caricamento all’interno della barra dei risultati (fig. 40), quindi bisognerà pazientare un po fino a quando il PC non avrà elaborato per intero il risultato.

Spazio in un supporto di memoria

Per ogni tipo di supporto di memoria è possibile conoscere lo spazio disponibile e quello utilizzato, infatti se ci rechiamo all’interno della finestra Computer / Questo PC, sarà possibile conoscere tutti i dati relativi alle memorie collegate mediante l’anteprima della barra presente di fianco all’icona della memoria in questione (fig. 41).

In alternativa basterà cliccare con il pulsante destro del mouse sull’icona e andare sulla voce Proprietà (fig. 42), qui  sapremo quale sarà lo spazio o stato del nostro Hard disk mediante la voce Generale.

38

39

40

41

42

Compressione dei file

Un fattore da tener presente quando abbiamo a che fare con cartelle o file sono le dimensioni, inoltre dobbiamo tener conto anche delle capacità di memoria di un Hard disk.

Comunque ci capiterà spesso di dover usufruire di un metodo che ci consentirà di alleggerire ulteriormente il peso di un file / cartella, sto parlando della compressione.

Quindi cliccando con il tasto destro del mouse sul file si aprirà il menu di scelta rapida qui selezioniamo la voce Invia a > Cartella compressa (fig. 43).

Ricordiamoci che quando viene eseguita una compressione viene semplicemente effettuato un riposizionamento efficiente dello spazio e l’informazione non viene memorizzata tutte le volte che si ripete come nel caso dei caratteri nei testi e di conseguenza il file diventa incomprensibile da parte del software, quindi bisognerà effettuare un’operazione di decompressione per avere pieno accesso al file originale.

Quindi dopo aver selezionato il file ZIP entriamo nel menu di scelta rapida è clicchiamo sulla voce Estrai tutto / file oppure estrai qui (fig. 44).

43

44

Print Friendly, PDF & Email
Seguimi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit exceeded. Please complete the captcha once again.

Rating*

error: Il contenuto è protetto !