Giovanni Pintori e la Olivetti

L’azienda venne fondata dall’imprenditore e ingegnere italiano Camillo Olivetti (fig. 01) che poi l’affido al figlio imprenditore, politico e ingegnere italiano Adriano Olivetti (fig. 02) che organizzerà l’impresa secondo una visione molto ampia.
Nel 1931 sarà avviato l’ufficio per lo sviluppo pubblicitario che vanterà un’ottima squadra di collaboratori, come il designer, pittore, architetto e pubblicitario italiano Marcello Nizzoli (fig. 03), che opererà nell’ambito dello Studio Boggeri, e con l’interpretazione del fotografo, pittore e designer svizzero Xanti Schawinsky (fig. 04) riusciranno ad imporre una prima impronta all’immagine della Olivetti.
Poi nel 1936 si uniranno alla causa anche lo scultore e artista italiano Costantino Nivola (fig. 05) e il pittore e designer italiano Giovanni Pintori (Tresnuraghes, 1912 – Milano, 15 novembre 1999, fig. 06), che poi collaboreranno insieme a Nizzoli per la realizzazione del libro Olivetti (fig. 07).

01

02

03

04

05

06

07

Poi la direzione di questo ufficio sarà affidata completamente a Pintori che vi rimarrà fino al 1968, e si avvalerà di progettisti come il grafico Walter Ballmer (fig. 08), il designer italiano Franco Bassi (fig. 09) e l’artista italiano Egidio Bonfante (fig. 10), che lo aiuteranno nella realizzazione di una delle corporate identity più importanti del XX secolo.

08

09

10

Pintori fu in grado di affrontare e interpretare liberamente il linguaggio grafico del tempo, mediante un segno calligrafico leggero ed elegante, unico nel suo genere e inimitabile.
Dopo aver lasciato Olivetti, all’interno dell’azienda seguirono altre grandi personalità nell’ambito della scrittura, come lo scrittore, giornalista e poeta italiano Giorgio Soavi (fig. 11) e il poeta e giornalista italiano Giovanni Giudici (fig. 12), quest’ultimo fu chiamato dallo scrittore e operatore culturale italiano Renzo Zorzi (fig. 13) affidandogli il ruolo di responsabile delle relazioni culturali.

11

12

13

Print Friendly, PDF & Email
Seguimi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit exceeded. Please complete the captcha once again.

Rating*