(A 75) Grafica e Optical Art

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. All'interno del sito web potrai visionare una sezione dedicata al mio portfolio oltre ad una sezione di lavori realizzati nel tempo libero. Inoltre all'interno della piattaforma è presente una sezione blog dedicata ad argomenti legati al mondo della grafica, della fotografia e della tipografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 29 May 2018

Negli anni Sessanta prese vita la ricerca legata all’aspetto visivo e cinetico su cui si basava l’Optical Art, che poi si allargò anche ai fenomeni percettivi e alla sperimentazione di nuovi linguaggi.
Quest’arte definitica anche Op Art, affermò un programma opposto alla Pop Art e inoltre si legò anche a diverse nozioni di carattere scientifico della Teoria dela Gestalt, un’arte aperta anche all’innovazione teconologica ma ostile al progetto tecno-industriale del tempo.
I Gruppi che aderiscono a questa corrente artistica furono il Gruppo T di Milano con il designer italiano Giovanni Anceschi (fig. 1012), l’architetto, orafo e designer italiano Gabriele De Vecchi (fig. 1013), l’artista italiana Grazia Varisco (fig. 1014), l’artista italiano Gianni Colombo (fig. 1015), poi il Gruppo N di Padova con il pittore italiano Alberto Biasi (fig. 1016), l’artista italiano Ennio Chiggio (fig. 1017), il pittore e scultore italiano Edoardo Landi(fig. 1018), l’artista e architetto italiano Manfredo Massironi (fig. 1019), l’artista italiano Toni Costa, ancora il Gruppo I, il Gruppo 63, l’Operativo R, l’Equipo 57 in Spagna, il Gruppo Zero in Germania, Matus e Gray in Francia, senza dimenticare i singoli artisti come l’artista italiano Getulio Alviani (fig. 1020) e Jesùs Marìa Soto che nel 1964 fu premiato presso la Biennale di Venezia, etc.

1012 Giovanni Anceschi

1013 Gabriele De Vecchi

1014 Grazia Varisco

1015 Gianni Colombo

1016 Alberto Biasi

1017 Ennio Chiggio

1018 Edoardo Landi

1019 Manfredo Massironi

1020 Getulio Alviani

Tra i personaggi più importanti che hanno proposto ricerche relative alla visione sperimentale, va ricordato il designer italiano Enzo Mari (fig. 1021) che in funzione della ricerca estetica affermò, “con il termine di ricerca nell’eccezione estetica, si intendono tutte quelle operazioni rivolte a verificare i fenomeni percettivi e individuarne e sperimentarne i modi di linguaggio ai fini di ottimizzare i mezzi di comunicazione”.
La ricerca visivo-cinetica si pone in relazione alla teoria del disegno industriale, mediante la sua ffinità con alcuni materiali e per la modalità di progettazione.
Poi gli anni che vanno dal 1958 fino al 1968 vedrà l’evoluzione della scuola di Ulm, dove i corsi di visual design vedranno la presenza di numerosi studenti e insegnanti del movimento Optical.
Ricordiamo proprio dal 1953 il pittore brasiliano Almir Mavignier (fig. 1022) e l’architetto William S. Huff (fig. 1023), oppure l’artista Hans von Klier (fig. 1024), etc.
Tra gli artisti italiani che si sono dedicati alla ricerca di natura gestaltica-dinamica ricordiamo Enzo Mari già citato e l’architetto, designer e pittore italiano Franco Grignani (fig. 1025).
Il primo si legherà a ricerche sulla luce e sulla vibrazione da esse prodotte sulle superfici e spostandosi successiuvamente sul disegno industriale e sull’impegno sociale.

1021 Enzo Mari

1022 Almir Mavignier

1023 William S. Huff

1024 Hans von Klier

1025 Franco Grignani

Lui adotterà l’interazione del segno mediante una meditazione di tipo ottico-visiva già applicata in piccole parti nell’arte programmata.
Invece Grignani porterà in campo grafico e pubblicitario le sue ricerche in campo Gestaltico approfondite intorno alle dinamiche della visione e ai limiti dela rottura percettiva.
Sulla natura delle ricerche Gestaltica si è lavorato molto all’interno della didattica svizzera, come l’esempio del desginer svizzero Armin Hofmann (fig. 1026), mentre in altre parti durante gli anni Sessanta si diffusero le tendenze Optical sia in campo artistico che grafico.
Julio Le Parc (fig. 1027), scultore e pittore argentino, sarà molto influnete nella realizzazione del progetto di corporate image per i Giochi Olimpici di Città del Messico del 1968.
In Italia, escluso l’operato di Grignani, la progettazione si riduce ad eventi e composizioni casuali, orientata nella maggior parte dei casi verso la ripetizione e l’interazione del segno che consentono di percepire il senso cinetico nell’insieme. Tra gli operatori optical ricordiamo il designer Mimmo Castellano (fig. 1028), il desginer e grafico Pino Tovaglia (fig. 1029), il designer e grafico Ilio Negri (fig. 1030), il designer Michele Spera, etc, che furono emblematici per la ricerca in ambito optical che trova origine dalla ricerca della Gestalt.

1026 Armin Hofmann

1027 Julio Le Parc

1028 Mimmo Castellano

1029 Pino Tovaglia

1030 Ilio Negri

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!