(HI 105) Guido Guidi

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. All'interno del sito web potrai visionare una sezione dedicata al mio portfolio oltre ad una sezione di lavori realizzati nel tempo libero. Inoltre all'interno della piattaforma è presente una sezione blog dedicata ad argomenti legati al mondo della grafica, della fotografia e della tipografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 11 May 2018

Guido Guidi (Cesena, 1º gennaio 1941, fig. 1459) nasce in una zona di campagna di Cesena e dopo aver terminato gli studi come architetto e come disegnatore industriale presso Venezia, si dedicherà al paesaggio secondo la visione concettuale mostrando una visione profonda ed essenziale, grazie anche agli incontri con Italo Zannier(fig. 1460), Luigi Veronesi (fig. 1461), Carlo Scarpa (fig. 1462), Bruno Zevi (fig. 1463), etc, che fu fondamentale per l’esito della sua opera.
Non mancano anche richiami al medioevale e all’arte antica e anche alle opere contemporanee dell’americano Walker Evans (fig. 1464), Giacometti (fig. 1465), Morandi (fig. 1466), etc.
La sua fotografia consiste nello sguardo, nel mettere a fuoco, guardare attraverso il mirino e con tempi lenti, dove importante sarà il suo passaggio dal piccolo al grande formato permettendo di aumentare i tempi della fotografia.

1459 Guido Guidi

1460 Italo Zannier

1461 Luigi Veronesi

1462 Carlo Scarpa

1463 Bruno Zevi

1464 Walker Evans

1465 Alberto Giacometti

1466 Giorgio Morandi

Importante sarà anche la sua conoscenza nei confronti delle ricerche di Robert Frank (fig. 1467), William Eggleston (fig. 1468) e Lewis Baltz (fig. 1469).
Più tardi lui si dedicherà alla fotografia di centri storici e darà vita anche a numerosi lavori sia su commissioni pubbliche e sia legati alle sue ricerche private, inoltre le sue rappresentazioni non si legano semplicemente alla narrazione, ma sono registrazioni sul e del paesaggio.
Nel suo libro In Between Cities, metterà in risalto le continue registrazioni su un mondo in continua trasformazione (fig. 1470, 1471, 1472, 1473 e 1474), una specie di diario visivo legato a semplici principi dove i paesaggi, i loro rapporti e la sua stroria si mostrano modificati nel tempo.
Lui registerà anche luoghi di margine e di silenzio, praticamente dove tutto sembra essere già accaduto, riuscendo anche a catturare lo spirito del nostro tempo espresso attraverso traccie del nostro presente che sembra annunciare un futuro molto vicino a noi, sfruttando qualsiasi elemento.

1467 Rober Frank

1468 William Eggleston

1469 Lewis Baltz

1470 Gibellina

1471 Marghera, Via Galvani, 1993

1472 Senza titolo

1473 Senza titolo

1474 Senza titolo

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!