(H 57) Harry Callahan

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. All'interno del sito web potrai visionare una sezione dedicata al mio portfolio oltre ad una sezione di lavori realizzati nel tempo libero. Inoltre all'interno della piattaforma è presente una sezione blog dedicata ad argomenti legati al mondo della grafica, della fotografia e della tipografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 29 April 2018

Harry Callahan (Detroit, 22 ottobre 1912 – Atlanta, 15 marzo 1999, fig. 468) utilizza la fotografia come mezzo per conoscere il mondo e se stesso, inoltre il suo desiderio è quello di unire la vita è l’arte.
Lui prenderà il diploma in ingegneria chimica e nel 1938 acquista la sua prima macchina fotografica, una Rolleicord 120 (fig. 469).
Le sue fotografie sono caratterizzate dala complessità ma allo stesso tempo dalla trasparenza, nell’essere pubbliche ma contemporaneamente private e soprattutto rappresentano la vita e i cambiamenti politici, estetici e sociali dell’autore.
Inzialmente farà parte del Chrysler Camera Club e successivamente entrerà nel Detroit Photo Guild, anche se queste realtà lo lasceranno molto deluso, poi nel 1940 conoscerà Ansel Adams (fig. 470), che gli permetterà di acquisire una nuova concezione del mezzo fotografico.
Ciò che custodirà del periodo trascorso con Adams, sarà l’insegnamento e non di certo il suo forte attaccamento aitoni e ai dettagli.
Più tardi, nel 1942 a New York, andrà incontro al purismo di Steglitz (fig. 471) e al modernismo di Moholy-Nagy(fig. 472), e realizzerà una serie di ritratti della moglie Eleanor (fig. 473 e 474), dove approfondirà l’importanza della luce e del tempo.
Nel 1946 insegna all’Istitute of Design di Moholy-Nagy a Chicago, anche se questa esperienza è stata dettata più da una costrizione però gli permetterà di ampliare la sua conoscenza in ambito fotografico, perché si ritroverà circondato da diversi fotografi e artisti di vario genere che gli faranno conoscere il mondo dell’Espressionismo astratto, componente che sarà visibile nei suoi nuovi lavori.

468 Harry Callahan

469 Rolleicord 120

470 Ansel Adams

471 Alfred Stieglitz

472 Laszlo Moholy-Nagy

473 La moglie Eleanor

474 La moglie Eleanor

Sempre in questo periodo affronterà determinati studi e sperimentazioni che aveva già affrontato nel 1940, rivolgendosi alle persone e investigando la condizione umana, infatti proprio a questo periodo storico appartengono i ritratti realizzati sempre sulla moglie Eleanor e la figlia Barbara (fig. 475 e 476) sulla spiaggia, nei parchi, etc.
Più tardi si trasferirà a Providence, qui la sua notorietà crescerà a dismisura, a tal punto da organizzare anche delle mostre e sarà anche pubblicata una sua monografia dal titolo Photographs, Harry Callahan.
Qui lui documenterà la vita nella nuova cittadina, anche se le immagini appariranno più nervose e ansiose, visibile soprattutto dalla rappresentazione di spazi sempre più complessi (fig. 477).

475 La moglie Eleanor e sua figlia Barbara

476 La moglie Eleanor e sua figlia Barbara

477 Providence, 1965

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!