I nuovi esiti italiani

La grafica italiana a partire dal 1933 affrontò un periodo particolare, infatti a Roma prese vita l’IRI, l’Istituto per la Ricostruzione Industriale, invece a Milano venne inaugurata la Triennale e sempre qui fu pubblicata la rivista Campo Grafico (fig. 01), inoltre venne aperto anche il primo studio di grafica in Italia, lo Studio Boggeri.
Tutti questi episodi hanno un filo conduttore che li collega, infatti partendo dall’IRI vi fu l’affermazione di un forte attegiamento indistriale, rafforzando il processo di produzione industriale del paese dando vita ai primi sintomi di progresso, come le macchine da scrivere della Olivetti, le automobili Fiat, l’alfa Romeo e infine gli sviluppi dell’industria aerea e navale.
Questa nuova realtà segnata dal progresso si riflesse anche sui consumi, inoltre la V Triennale di Milano affermò questa nuova scia, inoltre fu anche importante per la grafica che divenne un punto di riferimento della nuova cultura progettuale mediante i manifesti, come quello realizzato dal pittore Mario Sironi (fig. 02) che esprimeva a pieno queste nuove tendenze visive.

01

02

Print Friendly, PDF & Email
Seguimi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit exceeded. Please complete the captcha once again.

Rating*

error: Il contenuto è protetto !!