(A 20) Il manifesto italiano

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. All'interno del sito web potrai visionare una sezione dedicata al mio portfolio oltre ad una sezione di lavori realizzati nel tempo libero. Inoltre all'interno della piattaforma è presente una sezione blog dedicata ad argomenti legati al mondo della grafica, della fotografia e della tipografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 20 May 2018

La grafica italiana lavorerà principalmente in due settori, quello dei manifesti e quello dell’editoria, riuscendo ad ottenere risultati molto più elevati rispetto ad altre nazioni dell’epoca, quindi in quest’ottica vanno ricordati artisti del settore come l’artista Duilio Cambellotti (fig. 287), il pittore Aleardo Terzi (fig. 288), il pittore Giorgio Kienerk (fig. 289), il pittore Marcello Dudovich (fig. 290), l’illustratore, disegnatore e scrittore Enrico Sacchetti(fig. 291), l’illustratore Leonetto Cappiello (fig. 292), etc.
Inoltre lo sviluppo di quest’arte fu favorita anche dall’esistenza di ottime officine cromolitografiche come la Ricordi del 1808 che dopo aver prodotto edizioni musicali si dedicherà ai manifesti artistici e pubblicitari dal 1885.

287 Duilio Cambellotti

288 Aleardo Terzi

289 Giorgio Kiernek

290 Marcello Dudovich

291 Enrico Sacchetti

292 Leonetto Cappiello

Adolfo Hohenstein fu direttore dell’atelier in questione riuscendo a gestire la squadra di tecnici riproduttori proprio come l’esempio di Chéret (fig. 293) a Parigi, inoltre proprio qui sarà stampato nel 1899 il famoso manifesto per Tosca (fig. 294), caratterizzato da un maestoso gioco di luci e ombre, aprendo la strada al filone dei manifesti dell’opera lirica italiana, infatti a seguire vi sarà quello per Iris di Metlicovitz (fig. 295) e quello per Cabiria (fig. 296).

293 Jules Chéret

294 Tosca

295 Iris

296 Cabiria

In questo stesso periodo si affermeranno anche i manifesti su commissione da parte delle industrie di carattere commerciale come quelli realizzati da Ricordi per i magazzini Mele (fig. 297) di Napoli dal 1896 fino al 1916-17, che vide l’impegno di diversi disegnatori come Dudovich, Cappiello, Terzi, Sacchetti, etc.
Tra questi quello più di spicco sarà proprio Dudovich che inizialmente lavorerà presso lo studio di Metlicovitz, caporeparto in quel periodo presso la Ricordi, dove realizzerà molti manifesti, Campari (fig. 298), La Rinascente(fig. 299), Borsalino (fig. 300), Fiat (fig. 301), etc.
Oltre a Dudovich vi fu anche Aleardo Terzi che oltre alle illustrazioni per Novissima realizzò anche dei manifesti di carattere impressionista come, Dentol (fig. 302) del 1914 e quello per il Colorificio Max Mayer (fig. 303) del 1921.
Va ricordato anche il famoso manifesto sempre realizzato per Bitter Campari (fig. 304) di Enrico Sacchetti dove giocherà con un forte contrasto cromatico tra l’azzurro del personaggio e l’arancio-rosso del fondo.

297 Manifesto per magazzini Mele

298 Campari

299 La Rinascente

300 Borsalino

301 Fiat

302 Dentol

303 Colorificio Max Mayer

304 Bitter Campari

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!