Imogen Cunningham – 46

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. Il sito oltre a fornire informazioni personali sul mio profilo, mette in mostra anche il mio portfolio personale, strutturato in diverse sezioni, dalla grafica al web, la grafica 3D e arte, etc, inoltre è disponibile anche una sezione blog dedicata alle diverse sezioni di interesse personale, come la grafica, l'editoria e la fotografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 8 April 2018

Imogen Cunningham (Portland, 12 aprile 1883 – San Francisco, 23 giugno 1976, fig. 389) ricoprirà nella sua vita diversi ruoli tra cui, l’essere madre, insegnante ed artista.
Nel 1909 le si sposterà in Germania a Dresda per affrontare gli studi sulla fotografia sotto la guida del professor Luther, inoltre la sua tesi sarà anche pubblicata sulla rivista Photographische Rundschau und Photographisches Centralblatt.
Successivamente rientrerà in America aprendo uno strudio a Seatlle, dove le sue foto sono caratterizzate da una profonda poetica e unicità tra forma e contenuto.
Lei riesce a sfruttare al meglio le capacità del nuovo mezzo riuscendo ad ottenere immagini di estrema bellezza al di là del soggetto, che possa essere un fiore oppure una persona.
Le prime immagini realizzate durante gli anni dieci sono di carattere preraffaellita, amici, colleghi sotto una veste romantica, poi nel 1915 si trasferirà a San Francisco dove si dedicherà ad immagini di carattere botanico(fig. 390 e 391).
Al di là del cambiamento di soggetto o del tema, ciò che attira in queste sue nuove rappresentazioni è la precisione grafica che richiama all’influenza di altri fotografi americani, tra cui Ansel Adams (fig. 392).

389 Imogen Cunningham

390 Glacial Lily

391 Leaf pattern, 1920

392 Ansel Adams

In questo periodo lavorerà su immagini che raffigurano persone e piante combinate successivamente sul negativo per produrre ritratti astratti.
Nel 1932 fonderà il gruppo F64 per lanciare la fotografia pura, insieme ad Ansel Adams, poi negli anni sessanta seguiranno fotografie che possono essere associate al movimento Dada, mentre quelle degli anni settanta richiamano uno studio sul tempo e sull’età, infatti in questo periodo realizza ritratti, prevalentemente donne ultranovantenni o più anziane di lei (fig. 393).
Per lei comunque l’elemento culminante della fotografia era quello di poter fondere il fotografo, lo spettatore e il soggetto.

393 Bobbie Libarry, 1976

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!