(L 24) LA COMPOSIZIONE, L’IMPORTANZA DELLE DIMENSIONI E I FORMATI

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. All'interno del sito web potrai visionare una sezione dedicata al mio portfolio oltre ad una sezione di lavori realizzati nel tempo libero. Inoltre all'interno della piattaforma è presente una sezione blog dedicata ad argomenti legati al mondo della grafica, della fotografia e della tipografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 6 November 2018

Quando parliamo di composizione ci riferiamo ad un insieme di regole e scelte che il fotografo riunisce all’interno dell’immagine.
Una composizione ben riuscita comunica ciò che realmente voleva il fotografo, inoltre ci sono diverse regole da seguire all’interno di una composizione ma se ci atteniamo a queste in modo troppo accademico possiamo rischiare di generare immagini troppo rigide, invece partendo da queste dobbiamo cercare di portare fuori il nostro stile.
Quando realizziamo un’immagine la cosa che dobbiamo considerare è, dove deve essere posta o esposta quest’immagine?…e su quale formato deve essere stampata?
Se tale formato risulterà piccolo allora sarà inutile realizzare un’immagine intera, anche perchè i dettagli si perderebbero, soprattutto se sarà una foto destinata ad un supporto web, come l’icona quadrata del proprio profilo di una pagina social.
Se tale immagine sarà destinata ad un grande formato esposto in un ambiente abbastanza ampio, allora un ritratto in primo piano risulterebbe eccessivo, infatti l’utente sarà costretto ad allontanarsi per mettere a fuoco tutti i dettagli.
Se decidiamo di scattare foto destinate alle pareti (fig. 97), dobbiamo fare attenzione nel non stampare sotto scala, cioè prima di agire prendiamo in considerazione il formato anticipatamente, per esempio tra le mani un formato A3 o super A3 potrebbe risultare abbastanza grande e soddisfacente, ma se proviamo a porlo su una parete noteremo che questo si perderà.
Quindi il compito di un fotografo è anche quello di educare il cliente alla scelta di un formato più indicato, soprattutto per quello che riguarda l’applicazione in cornice.
Ricordiamoci sempre di pensare a quello che sarà l’utilizzo finale dell’immagine.
Quando parliamo di formato ci riferiamo alla forma del supporto o del taglio relativo alla nostra immagine, come un rettangolo, quadrato, etc.
Ogni singolo formato si presta alla scelta di una composizione diversa, per esempio la realizzazione di uno stesso soggetto si presterà a scelte diverse in base al formato di destinazione, una pratica che potremo acquisire con il tempo riuscendo a capire ancor prima dello scatto, l’impostazione del formato finale.
Tra quelli più gettonati abbiamo gli orizzontali e i verticali (fig. 98 e 99), quest’ultimo è definito anche portrait, cioè ritratto, anche se quello orizzontale non è da meno, anzi vi sono fotorafi che prediligono esclusivamente l’orizzontale, anche perchè offre dei vantaggi in ambito marketing, praticamente hanno una migliore visibilità su schermo.

97 Foto su parete

98 Formato orizzontale

99 Formato verticale

Un’altro formato importante è quello quadrato (fig. 100), che consente di avere un maggior equilibrio e simmetria con il soggetto posizionato perfettamente al centro.
Se desideriamo ottenere questo formato dobbiamo scattare lasciando molta abbondanza introno in modo da tagliare parte della scena in eccesso in postproduzione.
Poi abbiamo anche il formato panoramico che corrisponde di solito al 16:9, oppure possiamo realizzare più scatti e poi unirli in postproduzione mediante l’uso di un programma.
Un’altro metodo importante può essere quello di sfruttare la risoluzione alta della nostra fotocamera, cioè se questa possiede molti megapixel, allora potremo ritagliare l’immagine, quindi effettuare un crop, e adattarla al formato panoramico.
Un altro aspetto importante nell’ambito della fotografia è il montaggio, praticamente riguarda l’inserimento di una serie di immagini in sequenza che mette in risalto un vero e proprio viaggio o racconto.
In queste sequenze sarà possibile inserire anche scatti fotografici che singolarmente risulterebbero scontati o poco interessanti ai fini espositivi, ma che nel montaggio possono arricchire alcune fasi del racconto visivo.
Molto adoperati in quest’ambito sono i trittici, cioè tre immagini poste uno affianco all’altra oppure disposte in una griglia di 3 x 3, comunque possiamo optare per diverse soluzioni che riguardano non solo la disposizioni delle immagini, ma anche i margini, gli spazi, i formati, etc.

100 Formato quadrato

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Recent Articles

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!