(A 88) L’importanza della grafica ambientale

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. All'interno del sito web potrai visionare una sezione dedicata al mio portfolio oltre ad una sezione di lavori realizzati nel tempo libero. Inoltre all'interno della piattaforma è presente una sezione blog dedicata ad argomenti legati al mondo della grafica, della fotografia e della tipografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 5 June 2018

Durante tutto il Novecento la grafica iniziò ad abbandonare i vecchi supporti bidimensionali per relazionarsi con spazi tridimensionali, quindi segnaletiche, insegne, la pagina stampata, etc, che hanno invaso sempre più gli ambienti pubblici e urbani.
Quindi gli ambienti, come anche quelli metropolitani, iniziarono a riempirsi di artefatti collegati tra loro, e di conseguenza la grafica si è dovuta muovere e orientarsi verso l’adattamento comunicativo che aiutasse l’individuo a muoversi al suo interno.
Quindi i progettisti dovettero fronteggiare nuovi quesiti, come per esempio, le indicazioni stradali per gli svincoli, determinati valori coloristici da adoperare per precise circostanze, etc.
In quest’ottica va ricordato l’esempio della pareter dipinta di rosso della Ferrari, un segno molto chiaro per gli automobilisti e soprattutto di integrazione ambientale, oppure in Francia l’esempio di Ruedi Baur et Associés del 1989, che realizzò le facciate dell’Ecole Supérieure en Systèmes Industriels Avancés di Valence, mediante un sistema grafico basato sul metodo della logica binaria, che in parte trasmette la funzionalità dell’edificio contribuendo anche al filtraggio della luce solare.
Più complicato sarà l’elaborazione grafica per la metropolitana, lo studio giapponese GK Sekkei (fig. 1274 e fig. 1275) lavorò per diversi anni sulla città, trasformando il territorio urbano in una struttura regolata da segni grafici, illuminazioni e segnaletiche, rendendo Tokyo una città più leggibile.
In Oraia le strade furono caratterizzate da un’ideologia stradale e una segnaletica urbana basata su enormi pilastri luminosi, che nel caso di Osaka divennero vere e proprie torri.
Invece lo studio californiano Sussman-Prejza (fig. 1276 e 1277) adoperò l’envirormental graphics per rompere i confini con la tradizione del graphic design, infatti lo studio venne chiamato dalla Gund Arena di Cleveland, centro sportivo per il basket, dove realizzarono spazi, finiture, attrezzature, decorazioni, uniformi e immagini coordinate per la squadra.
Questi realizzarono anche tutta la segnaletica dell’East Washington Boulevard di Culver City, dove la strada divenne una vera scenografia architettonica piena di elementi segnalitici.

1274 GK Sekkei

1275 GK Sekkei

1276 Olimpiadi di Los Angeles, 1984, Sussman-Prejza

1277 Grand Park LA, Sussman-Prejza

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!