(A 61) L’influenza del Bauhaus a Chicago

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. All'interno del sito web potrai visionare una sezione dedicata al mio portfolio oltre ad una sezione di lavori realizzati nel tempo libero. Inoltre all'interno della piattaforma è presente una sezione blog dedicata ad argomenti legati al mondo della grafica, della fotografia e della tipografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 26 May 2018

In questo periodo fu importante il trasferimento del pittore e fotografo ungherese Moholy-Nagy (fig. 776) che dopo essersi spostato in diverse parti d’Europa avendo anche lasciato la Bahuaus di Dosseau insieme a l’architetto tedesco Gropius (fig. 777) e il grafico e artista austriaco Bayer (fig. 778), giunse nel 1937 a Chicago.
Qui lui lavorò alla direzione del Bauhaus realizzata dall’Association of Art and Industries che poi fallirà nel 1939, anche se Nagy riuscirà ad aprire un’altra scuola sempre a Chicago, inizialmente dal nome School of Design e poi Institute of Design. Qui lui darà vita a numerosi laboratori orientati verso le nuove ricerche progettuali e le nuove tendenze visive, e nonostante nasce come scuola di formazione, gli artisti affronteranno corsi dal carattere più dinamico ed energico.

776 Laszlo Moholy-Nagy

777 Walter Gropius

778 Herbert Bayer

All’interno del percorso formativo si affrontano studi relativi alle tecnologie, l’uso di strumenti e macchine, proprietà fisiche e strutture dei materiali, criteri di osservazione progettuale, le superfici e texture, il colore, lo spazio, il movimento, etc. Inoltre le stesse opere di Nagy, come Space modulator (fig. 779) del 1935, e le altre varianti esistenti come le sculture trasparenti (fig. 780) del 1940 e le rappresentazioni cinetiche con luci colorate del 1945 realizzate insieme all’altro artista ungherese Gyorgy Kepes (fig. 781), saranno fondamentali ai fini delle ricerche percettive che anticiperanno l’Optical Art e l’Arte Programmata, la prima si lega principalmente alle illusioni ottiche, tipicamente di movimento, attraverso l’accostamento opportuno di particolari soggetti astratti o sfruttando il colore, la seconda sta a intendere un’opera realizzata in base a un programma di calcolo che consenta la variazione formale e cromatica delle sequenze figurali, secondo un certo ordine temporale, tra ripetizione, variazione, accadimenti casuali e combinazione dei pattern visivi.
Anche Kepes darà un grande apporto teorico mediante la pubblicazione di Language of Vision (fig. 782) del 1944, uno studio relativo alle arti visivo e alle teorie scientifiche della Gestalt e della psicologia della visione.

779 Space modulator

780 Sculture trasparenti

781 Gyorgy Kepes

782 Language of Vision

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!