(H 69) Minor White

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. Il sito oltre a fornire informazioni personali sul mio profilo, mette in mostra anche il mio portfolio personale, strutturato in diverse sezioni, dalla grafica al web, la grafica 3D e arte, etc, inoltre è disponibile anche una sezione blog dedicata alle diverse sezioni di interesse personale, come la grafica, l'editoria e la fotografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 1 May 2018

Minor White (Minneapolis, 9 luglio 1908 – Boston, 24 giugno 1976, fig. 620) ebbe la sua prima macchina fotografica nel 1915, lo strumento gli fu regalato dal nonno insieme a tutte le sue fotografie di viaggio più i negativi.
Secondo lui la fotografia era un modo per raccontarsi, per fissare nel tempo le sue esperienze.
Lui inzierà ad apprendere la conoscenza del mezzo dopo il diploma nel 1927 presso la West High School e nel 1946 venne influenzato anche dall’arte di Stieglitz (fig. 621) per quando riguarda il concetto di sequenza.
Fourth Sequence sarà una delle sue opere più importanti perché accomuna il simbolismo astratto agli elementi tipici della fotografia americana dell’epoca, inoltre si sposterà sempre da un posto all’altro, dalla costa dell’est a quella dell’ovest americana.
Dal 1940 fu anche insegnante e inoltre sostituì anche Ansel Adams (fig. 622) alla Francisco Francisco Art Institute.

620 Minor White

621 Alfred Stieglitz

622 Ansel Adams

Nel ’55 condurrà una serie di workshop, inoltre aprirà anche le porte di casa sua agli studenti, portando avanti una sorta di missione nei loro confronti, cioé quella di trasmettere la sua esperienza e conoscenza in ambito fotografico.
Altra grande caratteristica della sua fotografia sarà quella della terapia di gruppo, il riscoprire se stessi e la concentrazione relative alla danza e al movimento, insegnamento che acquistò dallo scrittore e filosofo russo Georges Ivanovic Gurdjieff (fig. 623).
Le sue immagini sono lo specchio di amori, desideri, passioni, sofferenze tipiche degli stati d’animo dell’essere umano che lui ha incontrato lungo il suo percorso nei diversi luighi visitati, ricordandone anche l’essenza di quelle terre, usi, costumi, profumi, etc (fig. 624, 625 e 626).
Lui per tutta la vita continuerà sempre con il suo lavoro di fotografo, raccontando al vita in sequenze, anche dopo il 1966, quando scoprì di avere gravi problemi respiratori.

623 Georges Gurdjieff

624 Tom Murphy, San Francisco, 1948

625 Pennsylvania, 1955

626 I tre terzi, 1957

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!