(L 26) PUNTI DI VISTA E TAGLIO

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. All'interno del sito web potrai visionare una sezione dedicata al mio portfolio oltre ad una sezione di lavori realizzati nel tempo libero. Inoltre all'interno della piattaforma è presente una sezione blog dedicata ad argomenti legati al mondo della grafica, della fotografia e della tipografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 6 November 2018

Un’altra parte importante è quella relativa alla posizione del soggetto.
Un cambiamento relativo al punto di vista influenzerà l’equilibrio tra l’immagine e l’osservatore, se questa è rappresentata dal basso verso l’alto, avremo una sensazione di sicurezza, forza e fiducia, mentre se dall’alto verso il basso, ci comunicherà un senso di debolezza e mancanza di forza (fig. 105 e fig. 106).
Se desideriamo aumentare maggiormente questi effetti possiamo salire su una sedia per aumentare il senso di ripresa dall’alto, o viceversa possiamo sdraiarci al suolo o far salire il soggetto su una scala, comunque stiamo attenti a strani effetti come narici spiacevoli o doppimenti.
Un’altra soluzione può essere l’inclinazione a metà della fotocamera che può conferire maggiore energia all’immagine (fig. 107) e rendere migliori alcune composizioni che risulterebbero meno interessanti se fotografate in orizzontale o verticale.
Comunque è una tecnica che va adoperata con un certo controllo senza esagerare altrimenti potremmo annoiare l’osservatore, di conseguenza si consiglia di realizzare anche scatti orizzontali o verticali dello stesso soggetto in modo da avere più scelta.

105 Ritratto dal basso

106 Ritratto dall'alto

107 Ritratto con taglio inclinato

Un’altra sfida del fotografo è quella relativa alla valorizzazione del soggetto, per esempio l’angolazione a 45 gradi e il busto del soggetto posto un po di profilo rispetto alla fotocamera e con il volto verso di noi, può rendere la cosa più interessantre, oppure se il soggetto punta il proprio sguardo verso l’alto permettendo agli occhi di apparire più grandi dando vita ad una visione piacevole (fig. 108), anche perchè gli occhi sono considerati la parte più interessante del volto, di conseguenza le altre parti possono apparire anche sfocate.
Inoltre possiamo anche considerare l’ipotesi del taglio dell’immagine andando a rimuovere parti indesiderate, ma stiamo attenti a questa pratica, infatti è sempre meglio tagliare l’immagine in zoom acquisendo già l’immagine nel suo taglio originale piuttosto che tagliarla in postproduzione, perchè questa potrebbe causare una perdita di risoluzione.
Quando tagliamo un’immagine facciamo attenzione a ciò che lasciamo fuori, infatti se tagliamo la scena lungo la sommità del capo, oppure tagliamo via una parte dei piedi, etc, la cosa potrebbe essere percepita come un errore, così come un taglio netto su ginocchia, mani, gomiti e caviglie.
Anche quando il soggeto sfiora il margine va evitato, perchè potremmo soffermare l’attenzione dell’osservatore lungo i margini, quindi è sempre meglio lasciare dei margini abbondanti intorno (fig. 109), oppure possiamo decidere di tagliare l’immagine sui capelli, ma stiamo attenti anche a questo, perchè un soggetto dai capelli troppo sottili potrebbe apparire come calvo.

108 Sguardo rivolto verso l'alto

109 Margini abbondanti

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!