(A 83) Push Pin Studio e Milton Glaser

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. All'interno del sito web potrai visionare una sezione dedicata al mio portfolio oltre ad una sezione di lavori realizzati nel tempo libero. Inoltre all'interno della piattaforma è presente una sezione blog dedicata ad argomenti legati al mondo della grafica, della fotografia e della tipografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 30 May 2018

Il designer Milton Glaser (26 giugno 1929 (età 88), New York, Stati Uniti, fig. 1169) e il designer grafico statunitense Seymour Chwast (fig. 1170) insieme al pittore statunitense Reynolds Ruffins (fig. 1171) e il disegnatore e illutsratore statunitense Edward Sorel (fig. 1172), diedero vita ad un ampio gruppo che contava più di venti associati, che nonostante la loro diversità stilistica, operarono facendo prevalere una grafica figurativa dal segno ironico e di orientamento espressionista.
Il Push Pin Studio fu quindi una sorta di scuola in fin dei conti, un vero laboratorio legato alle ricerche visive, ricoprendo un’ampia produzione grafica che investì i diversi settori, la tipografia, l’editoria, manifesti culturali, e soprattutto negli USA si affermò mediante la prevalenza figurativa che mise da parte l’insegnamento della scuola svizzero-tedesca.
Il vero leader del gruppo fu proprio Glaser, che dopo essere statoin Italia nel 1952 e 1953, frequentando il corso di incisione con il pittore e incisore Giorgio Morandi (fig. 1173), tornerà a New York dirigendo lo studio.
Poi nel 1974 darà vita alla Glaser Inc. opreando in tuttele categorie del settore grafico, inoltre lui realizzerà anche numerosi manifesti per l’editoria, per la musica, per il cinema, per il teatro, l’arte, etc.
Lui progettò anche il famoso marchio I Love New York (fig. 1174) nel 1976, inoltre essendo anche appassionato di gastronomia realizzò anche guide per i ristoranti di New York, ed anche menù e altre pubblicazioni nel settore.

1169 Milton Glaser

1170 Seymour Chwast

1171 Reynolds Ruffins

1172 Edward Sorel

1173 Giorgio Morandi

1174 I Love New York

Lui sarà certamente uno degli innovatori del manifesto disegnato, come i progetti per Washington Post, Fortune(fig. 1175), Jardin des Modes, l’Espresso, etc.
Anche Semyour sarà protagonista di diverse pubblicazioni da ottimo Newyorkese, mostrando un disegno dal tratto e valori cromatici molto intensi.
Tra i suoi lavori più rilevanti vi fu quello per la rivista Push Pin Monthly Graphic (fig. 1176), che proseguirà anche dopo la rottura del gruppo, inoltre va anche ricordato il suo manifesto End Bad Breath (fig. 1177) del 1967, che si schierava contro la guerra in Vietnam.
Anche l’illustratore e designer statunitense John Alcorn (fig. 1178), diplomato presso la Cooper Art School di New York, prese parte al gruppo Push Pin Studio diventando poi art director dal 1959 al 1961 per la CBS, la compagnia televisiva del graphic designer americano Lou Dorfsman (fig. 1179), e spostandosi poi a Firenze dove vivrà per lungo tempo.

1175 Fortune

1176 Push Pin Monthly Graphic

1177 End Bad Breath

1178 John Alcorn

1179 Lou Dorfsman

La sua formazione di matrice tradizionale, fu piena di modernità, affrontando la grafica sotto tutti i suo aspetti, come il lettering, l’illustrazione e l’ornamento, comunque l’aspetto più rilevante della sua produzione sarà appunto quello figurativo.
Lui si legherà molto al bianco e nero, come i vecchi maestri inglesi William Bradley (fig. 1180) e Aubrey Beardsley(fig. 1181), approfondendone gli apsetti tecnici, aggoungendo una delicata colorazione acquerellata.
Le sue ornamentazioni richiamano molto allo stile barocco o rococò, soprattutto in temi di tipo astrologico per calendari e poster.
In Italia vanterà anche una lunga collaborazione in ambito editoriale sotto la guida dell’editore italiano Mario Spagnol (fig. 1182), che contribui al rilancio di BUR di Rizzoli, e poi realizzò una nuova immagine per la casa editrice Longanesi, la casa editrice Guarda e la casa editrice Salani, senza dimenticare altri capolavori come quelli per il manifesto di Bob Dylan (fig. 1183) e quelli per la Olivetti (fig. 1184 e 1185).

1180 William Breadley

1181 Aubrey Beardsley

1182 Mario Spagnol

1183 Bob Dylan, 1966

1184 Olivetti, 1968

1185 Olivetti

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!