(L 21) RITRATTI REALIZZATI IN LUOGHI INTERNI E IN STUDIO

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. Il sito oltre a fornire informazioni personali sul mio profilo, mette in mostra anche il mio portfolio personale, strutturato in diverse sezioni, dalla grafica al web, la grafica 3D e arte, etc, inoltre è disponibile anche una sezione blog dedicata alle diverse sezioni di interesse personale, come la grafica, l'editoria e la fotografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 6 November 2018

Alcune situazioni richiedono un lavoro in luoghi al coperto, ed alcune persone possono mostrare una certa difficoltà nel farsi fotografare all’interno delle proprie abitazioni, comunque una buona illuminazione naturale e una parete neutra possono essere un buon inizio (fig. 87).
Molti hanno il problema del disordine casalingo, ma lo si può risolvere spostando i mobili e creando le giuste angolazioni, inoltre si consiglia di fotografare nelle relative stanze dove saranno esposte le foto, questo garantirà una certa armonia contestuale con l’arredamento.
Inoltre grandi finestre e porte vetrate sono le fonti di luce più indicate, soprattutto durante l’inverno, mentre per i nenonati le aree più indicate sono nella camera da letto, oppure posizionati su lenzuola bianche (fig. 88).
Anche le piccole finestre possono offrire soluzioni interessanti perchè la luce può essere concentrata sul soggetto mentre il resto della stanza apparirà scura nascondendo anche relative imperfezioni o disordini (fig. 89).
Anche la luce all’ingresso dell’abitazione può offrire soluzioni interessanti, basta posizionare il soggetto leggermente indietro rispetto a questo in modo che la luce non sia diretta e gli elementi strutturali del telaio e dei muri interni riflettano la luce.
Invece quando lavoriamo in studio avremo il massimo controllo sull’illuminazione visto che sarà l’unica fonte che illuminerà il nostro soggetto.
In questo modo saremo ingrado di realizzare ottimi scatti anche in spazi molto stretti, ma avere a disposizione spazi più ampi ci consentirà di porre il soggetto ad una distanza maggiorerispetto allo sfondo, soprattutto per l’altezza, se desideriamo posizionare un softbox sopra per illuminare meglio i capelli del soggetto.
In questo caso lavoreremo con gli sfondi simulati attraverso l’uso di rotoli di tessuti o carta, oppure sfruttando le pareti neutre.
È preferibile che questi siano di colore bianco, grigio o nero, inoltre posizioniamo il soggetto ad una determinata distanza in modo da far risaltare meglio la figura e far notare meno le imperfezioni degli sfondi mediante lo sfocato (fig. 90).
Comunque in queste circostanze sarà più complicato rendere l’idea di relazione significativa tra lo sfondo e il soggetto, visto che saremo limitati con l’ambientazione, anche se adopereremo pannelli colorati, quindi dovremo sforzarci ancora di più per rendere interessante il nostro ritratto.

87 Ritratto in interno

88 Neonato su lenzuola bianche

89 Ritratto esposto davanti ad una piccola finestra

90 Ritratto in studio

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!