(A 47) Secondo Futurismo e Fortunato Depero

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. All'interno del sito web potrai visionare una sezione dedicata al mio portfolio oltre ad una sezione di lavori realizzati nel tempo libero. Inoltre all'interno della piattaforma è presente una sezione blog dedicata ad argomenti legati al mondo della grafica, della fotografia e della tipografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 25 May 2018

Fortunato Depero (Fondo, 30 marzo 1892 – Rovereto, 29 novembre 1960, fig. 602) fu un pittore, scultore e designer italiano e futurista legandosi all’arte della pubblicità, considerata la nuova arte della modernità, cosa che lui affermerà nel suo Manifesto dell’arte pubblicitaria del 1932.
Dopo aver affrontato gli studi presso l’istituto tecnico e di arti applicate, Scuola Reale Elisabetta di Rovereto, nel 1908 non riuscirà a passare l’esame di ammissione presso l’Accademia di Belle Arti di Vienna, rientrando in Italia lavorerà presso un marmista di Rovereto.
Nel 1914 avrà dei contatti con i futuristi come lo scrittore, poeta e pittore Francesco Cangiullo (fig. 603), il pittore, scultore e scenografo Giacomo Balla (fig. 604) e lo scrittore, poeta e drammaturgo Filippo Tommaso Marinetti (fig. 605), dandogli la spinta verso la carriera pittorica e lo porteranno a cnoscenza delle nuove correnti artistiche come il dadaismo, il costruttivismo e il neoplasticismo olandese.
Nel 1917 avrà un incontro con l’impresario teatrale russo Sergej Pavlovič Djagilev (fig. 606) che porterà in Europa i Balletti Russi e che visiterà il suo studio romonao insieme al coreografo e ballerino statunitense Léonide Massine (fig. 607) e il pittore e scenografo russo Michail Fedorovic Larionov (fig. 608).

602 Fortunato Depero

603 Francesco Cangiullo

604 Giacomo Balla

605 Filippo Tommaso Marinetti

606 Sergej Pavlovič Djagilev

607 Léonide Massine

608 Michail Fedorovic Larionov

In ambito grafico, Depero darà vita già dal 1920, ad una serie di primi manifesti per l’agenzia Le Tre I di Milano, poi nel 1925 prenderà parte all’Exposition Internationale des Arts Décoratifs di Parigi insieme al pittore, scultore e scenografo Enrico Prampolini (fig. 609) e l’artista Giacomo Balla, e nel 1926 esporrà il dipinto Squisito al selz(fig. 610) dedicato a Campari per cui realizzerà anche diversi manifesti.
Depero sarà il massimo interprete della Davide Campari (fig. 611) con cui lavorerà per diverso tempo anche se nel 1927 si trasferirà a New York ospitato da un suo amico italiano, dove cercherà di lanciare il suo studio proponendosi non solo come pittore, ma anche come progettista pubblicitario, scenografo e allestitore.
Nel 1929 avrà la possibilità di allestire una mostra completamente dedicata all’arte della pubblicità presso l’Adversiting Club, e sarà proprio grazie a questo episodio che l’agenzia Barton, Durstine e Osborn gli commissioneranno una campagna pubblicitaria per l’American Lead Pencil Company (fig. 612).

609 Enrico Prampolini

610 Squisito al selz

611 Davide Campari

612 L'American Lead Pencil Company

Il suo modo di lavorare si legherà al forte uso delle diagonali, conferedo alle immagini un forte dinamismo, l’uso di parallelepipedi a incastro nella composizione, i contrasti tra bianchi e neri e l’uso dei rossi per rendere più forte il valore bitonale, inoltre lui sarà anche molto attento all’uso del lettering e alle costruzioni figurative mostrando sempre un orientamento costruttivista.
Anche se la scena dell’epoca vide l’affermazione della grafica di Cassandre, con Depero vi fu una parte della grafica che risentì della sua influenza, uno stile fortemente futurista dal segno forte e deciso e composto da un mondo iconico.
Comunque oltre a Depero e grazie anche allo spirito imprenditoriale di Davide Campari, vi furono anche altre realizzazioni grafiche che fanno capolino al nome del desinger, architetto, pittore e pubblicitario italiano Marcello Nizzoli (fig. 613).
I suoi lavori si legano molto alla salvaguardia dello stile pittorico, come nel manifesto Bottiglia di Bitter su cabaret (fig. 614) del 1931, un opera che sembra richiamare alle nature morte del pittore post-impressionista francese Paul Cézanne (fig. 615) e al cubismo e futurismo.
Inoltre proprio con Campari lui riuscirà ad esprimere il meglio della sua maestria in ambito pittorico e successivamente si legherà all’aspetto razionalista che lo porterà alla serie di lavori nel settore del disegno indistriale per Olivetti (fig. 616).
Vi saranno in questi anni altri casi esemplari e unici forniti mediante i modelli di Depero, come quello per l’acqua Giommi (fig. 617) realizzato dall’imprenditore stesso, che fu molto apprezzato nell’ambito dell’Italia contemporanea.

613 Marcello Nizzoli

614 Bottiglia di Bitter su Cabaret

615 Paul Cèzanne

616 Olivetti

617 Giommi

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Recent Articles

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!