(H 64) Werner Bischof

 Welcome
  • Benvenuto in giuseppepalumbo.org, il sito web dedicato interamente al profilo personale di Giuseppe Palumbo. Il sito oltre a fornire informazioni personali sul mio profilo, mette in mostra anche il mio portfolio personale, strutturato in diverse sezioni, dalla grafica al web, la grafica 3D e arte, etc, inoltre è disponibile anche una sezione blog dedicata alle diverse sezioni di interesse personale, come la grafica, l'editoria e la fotografia.
author image by Giuseppe | 0 Comments | 1 May 2018

Werner Bischof (Zurigo, 26 aprile 1916 – Trujillo, 16 maggio 1954, fig. 585) si iscrive da subito alla scuola di Arti e Mestieri di Zurigo nel 1932, e l’accostamento alla fotografia avviene casualmente, costretto a seguire lezioni di grafica di Hans Finsler (fig. 586), perché i posti disponibili per il corso di pittura erano esauriti.
Dopo aver terminato gli studi nel 1936, aprì subito uno studio fotografico, grafico e pubblicitario in città, mostrando un forte interesse soprattutto per la natura, fiori, sabbia, conchiglie, etc.
Nel 1941 lavorerà a contatto con la rivista Du, dove inzierà a subire una trasformazione nello stile, infatti da fotografo legato alla Nuova Oggettività abbraccierà l’arte del fotoreporter, quindi la fotografia sarà un mezzo per rapportarsi con larealtà oggettiva, dando vita alle sue prime immagini su Du.
L’anno più importante sarà il 1945, lui decide di mettersi in viaggio su una jeep fotografando l’europa devastata dalla guerra (fig. 587), Germania, Francia, Italia, etc.
Eleganza e violenza sono gli elementi cruciali di queste immagini, poi nel 1947 andrà in Medio ed Estremo Oriente (fig. 588), Ungheria, Romania, etc.

585 Werner Bischof

586 Hans Finsler

587 La devastazione della guerra

588 Immagine realizzata a Budapest, Ungheria

In questo periodo della sua vita inzieranno i contrasti con la rivista Du, che lo porteranno ad avere contatti con la rivista Life, dove realizzerà una serie di reportage in India, Giappone e Corea (fig. 589).
Inoltre in questo periodo ritrarrà la morte per fame intitolata, Foodstory.
Nel 1952 sempre per Life lavorerà in Giappone realizzando il reportage Generazione x, sarà impegnato anche in Corea documentando gente in battaglia.
Sempre in questo periodo andrà ad Hong Kong e Indocina realizzando immagini per la rivista francese Paris Match, immagini diverse nello stile, infatti più semplici e soddisfacenti.
Poi nel 1953 andrà a New York dove non riuscirà ad ambientarsi e quindi decide di andare in Sudamerica e sotto Magnum realizzerà Generazione w. Poi durante uno spostamento in macchina lungo le Ande precipiterà in un burrone perdendo la vita.

589 Immagine realizzata a Tokyo, Giappone

0

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Captcha code *Captcha loading...

Who is online

There are no users currently online

Calendar

November 2018
M T W T F S S
« Oct    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
error: Content is protected !!